Consiglio regionale a Faenza: i temi sulla non autosufficienza e sul Welfare

Data notizia: 
18 Maggio, 2018
non autosufficienza e Welfare

Durante il Consiglio direttivo dell'Anap regionale, svolto a Faenza, il Consiglio ha dibattuto degli ultimi provvedimenti che hanno animato i tavoli di confronto avuti con la Regione Emilia Romagna, con particolare riferimento allo stato di attuazione delle Case della Salute, del Piano Socio-sanitario regionale 2017-2019 e della ludopatia negli anziani.

"Il programma di lavoro dell'ANAP regionale - secondo le parole del presidente Gian Lauro Rossi -, nei prossimi mesi valorizzerà quanto il Consiglio ha ritenuto prioritario: riconsiderare la non autosufficienza e i caregiver, e confrontarsi con modelli di welfare di altri Paesi UE ritenuti modello (es Svezia, Francia, Germania)".

Sui valori oggi meritevoli di maggiore attenzione in quanto patrimonio degli artigiani e della società, il Consiglio ha proseguito i lavori nel pomeriggio con incontro con Mons. Mario Toso, vescovo di Faenza-Modigliana, per parlare del tema degli "Imprenditori al servizio del bene comune". All'incontro era presente anche Tiziano Samorè, Segretario Provinciale di Confartigianato Ravenna, che nel suo intervento di saluto ha voluto ringraziare il Presidente Regionale di ANAP per aver scelto Faenza in occasione di questo importante appuntamento, e il Vescovo della Diocesi di Faenza e Modigliana per gli stimoli che ha portato durante l'incontro, che sono stati un arricchimento per tutti i presenti e per il futuro dell’Associazione.

Anap Confartigianato Consiglio FaenzaDurante il dibattito alla domanda se l’imprenditore deve trasmettere ai giovani solo la conoscenza del lavoro la risposta è stata duplice. Non solo oggi si assiste alla rinuncia generalizzata al "formare al lavoro e alla responsabilità del fare per il bene comune", ma il sistema economico e la globalizzazione finanziaria paiono incardinati su un unico imperativo guida: privilegiare il profitto immediato piuttosto che l’investimento con prospettive etiche ed il lavoro.

"La crisi attuale più che economica appare di prospettiva sociale collettiva - ha spiegato il vescovo Toso -. Valori come i diritti sociali, l’istruzione, la vita, smettono di avere importanza per l’impresa ma anche per i giovani, attratti piuttosto dal tutto e subito, senza impegno, fatica e responsabilità".