Impatto del cambiamento demografico in Europa. La Commissione europea ha adottato una relazione

Anap : 
23 Luglio, 2020

Lo scoppio della pandemia COVID-19 ha cambiato l'Europa e il mondo in un batter d'occhio. Essa avrà un impatto duraturo sul modo in cui viviamo e lavoriamo insieme ed è arrivata in un momento in cui l'Europa stava già attraversando un periodo di profondi cambiamenti demografici e sociali.

La crisi ha messo in luce molte vulnerabilità, alcune delle quali sono legate al profondo cambiamento demografico che già colpisce le nostre società e comunità in tutta Europa. Questa doppia sfida deve aiutare a modellare il modo in cui pensiamo in fatto di assistenza sanitaria, welfare, budget pubblici e vita pubblica nei prossimi decenni. Deve aiutarci ad affrontare questioni come l'accesso ai servizi, l'assistenza alla comunità e persino la solitudine. Tutto ciò riguarda in definitiva il modo in cui viviamo insieme. Affrontare il cambiamento demografico è la chiave per costruire una società più giusta e più resiliente.

Per questo la Commissione europea ha adottato la sua prima relazione sull'impatto del cambiamento demografico. Il rapporto, pubblicato il 17 giugno 2020, mostra le tendenze demografiche a lungo termine in Europa, le differenze tra i paesi dell'UE e la necessità di affrontare l'impatto del cambiamento demografico su crescita e sostenibilità, occupazione, salute e assistenza a lungo termine in diverse parti d'Europa.

Il rapporto presenta i principali fattori trainanti del cambiamento demografico e l'impatto che sta avendo in tutta Europa, avviando un processo che aiuterà a identificare azioni e soluzioni concrete, tenendo presente gli insegnamenti tratti da COVID-19, per supportare le persone, le regioni e le comunità più colpite e per consentire loro di adattarsi alle realtà mutevoli.

Il rapporto mostra altresì le tendenze demografiche a lungo termine nelle regioni d'Europa - dall'aspettativa di vita più lunga, ai tassi di natalità più bassi, alle società che invecchiano, alle famiglie più piccole e alla crescente urbanizzazione. Mostra anche la quota in declino della popolazione mondiale in Europa, che dovrebbe rappresentare meno del 4% della popolazione mondiale entro il 2070. Illustra anche le notevoli differenze nel cambiamento demografico tra le regioni, nonché la necessità di affrontarne l'impatto sulla crescita e sulla sostenibilità, occupazione, salute e assistenza a lungo termine in diverse parti d'Europa.

Tendenze demografiche

  • Nel 2018, l'aspettativa di vita alla nascita è aumentata a 78,2 anni per gli uomini e 83,7 per le donne. Si prevede che questa crescita continui: gli uomini nati nel 2070 dovrebbero vivere 86 anni e le donne 90.
  • Nell'UE nel suo insieme, la composizione delle nostre famiglie sta cambiando: le famiglie composte da due genitori con figli sono meno numerose, mentre sono sempre più frequenti le famiglie costituite da persone che vivono da sole, genitori single o coppie senza figli.
  • Nel 2018, il numero medio di parti per donna era 1,55 e la loro età media al parto era 31,3.
  • Alcuni di noi scelgono di spostarsi o vivere all'estero, ma la dimensione di questi flussi è volatile e può cambiare rapidamente.
  • Entro il 2070, il 30,3% della popolazione dovrebbe avere 65 anni o più (rispetto al 20,3% nel 2019) e il 13,2% dovrebbe avere 80 anni o più (rispetto al 5,8% nel 2019)
  • La quota della popolazione europea nel mondo si sta riducendo ed entro il 2070 rappresenterà poco meno del 4% della popolazione mondiale.

Impatti del cambiamento demografico

  1. La popolazione in età lavorativa in Europa si sta riducendo e dobbiamo trovare modi per sostenere la crescita economica portando più persone al lavoro e aumentando la produttività.
  2. Per far fronte all'invecchiamento della società europea, i nostri sistemi sanitari e di assistenza dovranno adattarsi ulteriormente e dovremo considerare come finanziare una spesa pubblica legata all'età più elevata.
  3. Le sfide demografiche variano spesso in modo significativo tra le diverse parti dello stesso paese. Con alcune regioni che potrebbero sperimentare un rapido cambiamento della popolazione, ciò porterà a nuove opportunità e sfide, dagli investimenti alle infrastrutture e dalla mobilità all'accesso ai servizi. Sarà essenziale trovare nuove soluzioni per supportare le persone attraverso il cambiamento.
  4. Il cambiamento demografico può anche influire sulla posizione dell'Europa nel mondo. La quota della popolazione globale e il PIL diventeranno relativamente più piccoli. Ciò rende ancora più importante la necessità che l'Europa sia unita, più forte e più strategica.
  5. Il cambiamento demografico e le doppie transizioni verde e digitale spesso si influenzano, si supportano o si accelerano a vicenda; la previsione strategica sarà quindi uno strumento essenziale per prevedere e preparare politiche per affrontare questi problemi.

I risultati del rapporto sulla demografia della Commissione mostrano che non esiste un approccio unico per tutti. Il processo decisionale deve essere adattato alla realtà sul campo. L'Unione europea, gli Stati membri e le regioni hanno un interesse comune nel rispondere ai cambiamenti demografici a beneficio di tutti gli europei. Il cambiamento demografico influenzerà tutti e deve essere un fattore che aiuta a guidare la ripresa dell'Europa dalla crisi e ci fornisce spunti mentre costruiamo un'Unione più resiliente, sostenibile ed equa.

Photo by Nico Benedickt on Unsplash