INPS: Oneri di riscatto, ricongiunzione o rendita vitalizia. Passaggio dai pagamenti con RID a importo prefissato ai pagamenti con SDD a importo prefissato

Anap il : 
26 Gennaio, 2016

L’Inps comunica che dal 1° febbraio 2016 il sistema di pagamento con RID (Rapporto Interbancario Diretto) a importo prefissato – uno degli strumenti utilizzati per pagare all’INPS gli oneri per riscatto (per corso di laurea, periodi all’estero, astensione facoltativa maternità, etc.), ricongiunzione (per periodi contributivi in diverse gestioni) o rendita vitalizia (per contribuzione omessa da parte del datore di lavoro) - sarà sostituito dal nuovo sistema di pagamento SDD (SEPA Direct Debit - Addebito Diretto SEPA) a importo prefissato, introdotto nel sistema bancario italiano per effetto del Regolamento UE n. 260/2012, del Provvedimento applicativo della Banca d’Italia del 22 febbraio 2013 e di una recente Circolare dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana) n. 19 del 2 dicembre 2015.

Le deleghe alla banca o a Poste Italiane per i pagamenti con RID a importo prefissato restano valide anche per i pagamenti con SDD a importo prefissato. Non è pertanto necessario sottoscrivere una nuova autorizzazione per avvalersi del nuovo strumento di pagamento.

Si precisa che, scegliendo l’SDD a importo prefissato, il debitore - come con il RID - rinuncia alla facoltà di esercitare il diritto al rimborso di operazioni autorizzate entro il termine di 8 settimane dalla data di addebito, conservando però il diritto a revocare l’operazione fino al giorno della data in cui il pagamento è dovuto e il diritto a chiedere il rimborso di operazioni non autorizzate entro 13 mesi dal loro addebito.

Nel caso in cui l’assicurato non voglia proseguire i pagamenti all’INPS mediante l’SDD a importo prefissato, egli potrà versare quanto dovuto, senza soluzione di continuità, attraverso gli altri strumenti a disposizione: MAV, POS virtuale, Reti Amiche.

L’Inps invierà a breve, in modalità automatizzata, una lettera informativa sulle novità in argomento, agli assicurati per i quali risultino attivi addebiti diretti RID per il pagamento di oneri per riscatto, ricongiunzione o rendita vitalizia.

Si allega il fac-simile della lettera.

“Oggetto: Oneri di riscatto, ricongiunzione o rendita vitalizia; passaggio dai pagamenti con RID a importo prefissato ai pagamenti con SDD a importo prefissato.

Gentile Signore/a,

dal 1° febbraio 2016 il sistema di pagamento con RID (Rapporto Interbancario Diretto) a importo prefissato, che lei utilizza per pagare all’INPS gli oneri per riscatto, ricongiunzione o rendita vitalizia, sarà sostituito dal nuovo sistema di pagamento SDD (SEPA Direct Debit - Addebito Diretto SEPA) a importo prefissato, introdotto nel sistema bancario italiano per effetto del Regolamento UE n. 260/2012, del Provvedimento applicativo della Banca d’Italia del 22 febbraio 2013, e di una recente Circolare dell’ABI (Associazione Bancaria Italiana).

Questa scelta dell’INPS non comporta per lei alcun tipo di disagio: la delega alla banca o a Poste Italiane per i pagamenti con RID a importo prefissato resta valida anche per i pagamenti con SDD a importo prefissato, senza che lei sia costretto a recarsi in banca o presso un ufficio postale per sottoscrivere una nuova autorizzazione.

L’SDD a importo prefissato si basa sulla sottoscrizione di un accordo (mandato) con cui il debitore (pagatore) autorizza un creditore (beneficiario) a disporre addebiti sul proprio conto corrente per pagamenti ricorrenti a importo fisso. Scegliendo l’SDD a importo prefissato, il debitore rinuncia alla facoltà di esercitare il diritto al rimborso di operazioni autorizzate entro il termine di 8 settimane dalla data di addebito, ma conserva il diritto a revocare l’operazione fino al giorno della data in cui il pagamento è dovuto e il diritto a chiedere il rimborso di operazioni non autorizzate entro 13 mesi dal loro addebito. Il nuovo servizio di incasso può essere utilizzato per qualsiasi tipologia di cliente debitore (consumatori, non consumatori/microimprese).

Se invece non vuole proseguire i pagamenti all’INPS mediante l’SDD a importo prefissato, può continuare a versare quanto dovuto, senza soluzione di continuità, attraverso gli altri strumenti a disposizione: MAV, POS virtuale, Reti Amiche. Cordiali saluti”

Tag: