Lotta alla povertà: quasi 500 milioni di Euro a disposizione dei Comuni per rafforzare i servizi di presa in carico dei beneficiari del SIA, Sostegno per l'inclusione attiva

Anap il : 
7 Settembre, 2016
Lotta alla povertà: quasi 500 milioni di Euro a disposizione dei Comuni per rafforzare i servizi di presa in carico dei beneficiari del SIA, Sostegno per l'inclusione attiva

È stato pubblicato il bando per il finanziamento dei progetti di Sostegno per l'inclusione attiva (Sia), la misura del piano nazionale di lotta alla povertà e all'esclusione sociale che porterà all'adozione del reddito di inclusione, già in stato avanzato di discussione al Parlamento. Il provvedimento prevede l'erogazione di un sussidio economico ai nuclei familiari in particolari condizioni di povertà, dove siano presenti minori, figli disabili o donne in stato di gravidanza, a fronte della adesione a un progetto di attivazione sociale e lavorativa, sottoscritto dal nucleo familiare con i servizi sociali.

Le risorse a disposizione per realizzare questi interventi ammontano a 750 milioni di Euro, una dotazione che permetterà di dare sostegno a circa 200mila famiglie, con 500mila minori, per un totale di quasi 1 milione di persone. La richiesta per beneficiare del SIA potrà essere presentata a partire dal 2 settembre, utilizzando l'apposito modulo, che dovrà poi essere consegnato al Comune di residenza, predisposto dall'INPS.

Ai 750 milioni destinati al sostegno economico delle famiglie che hanno i requisiti per il beneficio si aggiungono ora i 486.943.523,00 Euro che costituiscono la dotazione finanziaria complessiva dell'avviso pubblico rivolto ai Comuni, tra loro coordinati a livello di ambiti territoriali, per finanziare interventi volti a rafforzare la rete dei servizi per la presa in carico e attivazione dei nuclei beneficiari del Sia, come definiti nelle "Linee Guida per la predisposizione e attuazione dei progetti di presa in carico del Sostegno per l'inclusione attiva".