A luglio arriva la nuova quattordicesima per i pensionati

Anap il : 
6 Giugno, 2017
A luglio arriva la nuova quattordicesima per i pensionati

Con il messaggio n. 1366/2017 l’INPS conferma l’erogazione nel mese di luglio della "somma aggiuntiva" (quattordicesima mensilità di pensione) a 3,4 milioni di pensionati con i nuovi requisiti ed importi stabiliti dalla Legge di Bilancio 2017 approvata alla fine dello scorso anno e dà le indicazioni per l'applicazione della normativa.

Come si ricorderà con la Legge di Bilancio veniva esteso il beneficio ai pensionati oltre 64 anni con redditi tra 1,5 e due volte il trattamento minimo e veniva aumentato l'importo per chi già il beneficio lo percepiva. Ecco in sintesi a chi spetta la quattordicesima e come viene erogata. 

A chi spetta: Ai pensionati con più di 64 anni con un reddito complessivo individuale annuo fino a 13.049,14 euro (due volte il trattamento minimo, circa 1.000 euro al mese). Non conta quindi il reddito del coniuge né i beni che dovesse avere il pensionato se non danno reddito. La somma viene corrisposta una volta l'anno.

Quanto spetta: Ai pensionati con redditi fino a 9.786,86 euro annui (fino a 1,5 volte il minimo), ovvero circa 752 euro al mese per 13 mensilità, che già godevano del beneficio, spetterà un importo pari a 437 euro se hanno fino a 15 anni di contributi, a 546 euro se hanno da 15 a 25 anni di contributi e a 655 euro se hanno oltre 25 anni di contributi. I pensionati che hanno un reddito tra 9.786,87 euro e 13.049,14 euro riceveranno una somma variabile tra 336 euro (se hanno fino a 15 anni di contributi) e 504 euro (con più di 25 anni di contributi). Ai pensionati che hanno tra i 15 e i 25 anni di contributi verranno corrisposti 420 euro. Per i pensionati del lavoro autonomo i requisiti di contribuzione sono aumentati di tre anni rispetto agli ex lavoratori dipendenti.

Erogazione della somma aggiuntiva: La quattordicesima viene corrisposta insieme al rateo di luglio se si perfeziona il requisito anagrafico nel primo semestre mentre sarà corrisposta a dicembre se si raggiungono i 64 anni nel secondo semestre del 2017. Il beneficio viene erogato "in via provvisoria sulla base dei redditi presunti" e sarà verificato appena si conosceranno le informazioni consuntivate dei redditi 2016, "o nel caso di prima concessione, del 2017".