Revoca delle prestazioni collegate al reddito degli anni 2012 e 2013

Anap il : 
7 Settembre, 2016
Revoca delle prestazioni collegate al reddito degli anni 2012 e 2013

Il Patronato Inapa, con propria circolare, ha fatto presente che l’INPS, con messaggio n. 3446 del 30 agosto 2016, ha comunicato alle proprie sedi di aver provveduto a ricostituire a livello centrale tutte le pensioni per le quali non risultano rientrate le dichiarazioni reddituali relative agli anni 2012 e 2013 con REVOCA delle prestazioni collegate al reddito; tuttavia i soggetti interessati per non incappare nella revoca definitiva possono presentare la dichiarazione reddituale entro il 14 ottobre 2016.

In particolare, la ricostituzione delle pensioni ha comportato il determinarsi di indebiti pensionistici per gli anni 2012/2014 che saranno comunicati ai pensionati attraverso ’invio, già in corso, dei modelli TE08IND e che saranno recuperati a partire al 1° dicembre p.v.. L’Istituto precisa che la stessa non ha determinato la sospensione delle prestazioni attualmente in pagamento e quindi gli importi di pensione sono rimasti invariati, fatta eccezione per i trattamenti a carico dei Fondi Speciali qualora non risulti presente alcun reddito anche per gli anni successivi al 2012 e 2013.

I soggetti interessati alla revoca per NON INCAPPARE NELLA REVOCA DEFINITIVA, vale a dire all’avvio dell’effettivo recupero da parte dell’INPS delle somme ritenute indebite, possono ancora comunicare all'Istituto i redditi conseguiti negli anni 2012 - 2013 entro il 14 ottobre 2016; in tal caso l’Istituto non procederà al recupero se i redditi confermeranno la permanenza del diritto alla prestazione. Per i soggetti residenti nei comuni colpiti dal sisma dello scorso 24 agosto il suddetto termine, così come l’avvio del recupero, verranno differiti.

Al riguardo, si consiglia di adempiere all’obbligo di comunicazione della situazione reddituale sia con l’invio di una domanda di ricostituzione reddituale che con l’invio del RED telematico, attraverso il CAAF Confartigianato.

Si fa presente, ancora, che in ogni caso è opportuno comunicare, sempre tramite il CAAF Confartigianato, unitamente ai redditi 2012 e/o 2013, anche i redditi conseguiti negli anni successivi, al fine di assicurare un quadro informativo completo per la lavorazione della ricostituzione da parte dell’INPS, e sanare, eventualmente, quei casi in cui il pensionato avesse omesso di comunicare i redditi relativi successivi al 2013 ovvero dovesse rettificarli. I soggetti che non comunicheranno i redditi saranno tenuti a restituire - senza possibilità di sanatoria - l’indebito creatosi e incapperanno nella sospensione della prestazione legata al reddito a partire da gennaio 2017.

L’Istituto anticipa, altresì, che nel corso del mese di settembre sarà effettuata la lavorazione dei RED 2015 (redditi 2014). Si ricorda che il reddito conseguito in un determinato anno incide sul diritto e sulla misura delle prestazioni erogate in fase di prima concessione nell’anno stesso e in fase di conferma per l’anno successivo. Per l’incumulabilità con i redditi da lavoro, il reddito incide per le prestazioni corrisposte nello stesso anno, di conseguenza:

  • il reddito conseguito nell’anno 2012 incide sul diritto e sulla misura delle prestazioni erogate in fase di prima concessione nell’anno 2012 e in fase di conferma per il periodo 1° gennaio 2013 - 31 dicembre 2013. Per l’incumulabilità con i redditi da lavoro, il reddito 2012 incide per le prestazioni corrisposte nello stesso anno;
  • il reddito conseguito nell’anno 2013 incide sul diritto e sulla misura delle prestazioni erogate in fase di prima concessione nell’anno 2013 e in fase di conferma per il periodo 1° gennaio 2014 - 31 dicembre 2014. Per l’incumulabilità con i redditi da lavoro, il reddito 2013 incide per le prestazioni corrisposte nello stesso anno;
  • il reddito conseguito nell’anno 2014 incide sul diritto e sulla misura delle prestazioni erogate in fase di prima concessione nell’anno 2014 e in fase di conferma per il periodo 1° gennaio 2015 - 31 dicembre 2015. Per l’incumulabilità con i redditi da lavoro, il reddito 2014 incide per le prestazioni corrisposte nello stesso anno.