Caritas offre “nonni in prestito” in alto Adige

Mercoledì, 11 Maggio, 2016
Caritas offre “nonni in prestito” in alto Adige

Quanto sono importanti i nonni nella società italiana? Li consideriamo una sorta di welfare familiare, badano ai propri nipoti quando i genitori sono impegnati con il lavoro. Per questo a Brunico, in provincia di Bolzano, la Caritas locale ha pensato di offrire dei volontari, dei “nonni in prestito”, a quelle famiglie che non possono contare sul supporto di un nonno “anagrafico”. Il progetto è nato in collaborazione con il Comune e la Consulta degli anziani di Brunico e Vke, associazione del Sud Tirol che si occupa di campi gioco e ricreazione.

I vantaggi di questa iniziativa sono evidenti. Da un lato i bambini possono contare su qualcuno che li porti a giocare al parco, li accompagni a scuola e, magari, li aiuti con i compiti. Dall’altro lato, si offre alle persone anziane una nuova possibilità per rivelarsi utili alla vita della comunità. Sia i nipoti che i nonni in prestito, inoltre, possono recuperare uno spazio da dedicare alla socialità, in un’epoca che spinge sempre di più queste due categorie a fare affidamento alla compagnia di televisione e computer.