Colf: l'Inps a caccia dei "silenti"

Martedì, 17 Luglio, 2012
Inps

Oggi scade il secondo trimestre 2012 per il pagamento dei contributi per le lavoratrici domestiche (colf o badante). A causa per la difficoltà economica, molte famiglie italiane non riescono a regolare il pagamento. L’INPS dedica quindi, una particolare attenzione ai cosiddetti datori di lavoro "silenti" i quali non effettuano alcun versamento di contributi. Sono famiglie e singoli che risultano ancora attivi come datori di lavoro anche se da una certa data non hanno effettuato nessun versamento di contributi. I controlli sui "silenti" sono rivolti alle famiglie che hanno denunciato un rapporto di lavoro domestico entro il 31 dicembre 2009 e che hanno pagato fino all’ultimo periodo coperto, seguito poi da un periodo di silenzio di altri versamenti. I silenti quindi sono stati avvisati a comunicare la chiusura del rapporto di lavoro con la badante o la colf o a indicare il pagamento successivo dei trimestri scoperti.

Per chi si esenta, il silenzio costerà caro e in assenza di nessun riscontro e dovendo sistemare le posizioni contributive prima che intervenga la prescrizione, l’Inps, in questi giorni, sta emettendo attualmente degli avvisi di pagamento. Questi avvisi bonari a partire da settembre saranno inviati a tutti i datori di lavoro domestico che presentano una qualsiasi irregolarità.