Come ci si deve comportare per le cure termali?

prodotti sanitari

COSA:
sono quelle prestazioni sanitarie erogate utilizzando acque termali dagli Stabilimenti termali accreditati o convenzionati con il Servizio sanitario nazionale mediante cicli terapeutici di norma di 12 applicazioni.

QUALI PRESTAZIONI:
le prestazioni erogabili sono incluse in un elenco aggiornato annualmente a livello nazionale (per esempio: fangoterapia, balneoterapia, inalazioni, irrigazioni, grotte, sabbiature, terapie idropiniche, ecc.).

PER QUALI PATOLOGIE:
le patologie che possono trarre reale beneficio dalle cure termali sono incluse in un decreto ministeriale periodicamente rivisto (per esempio: osteoartrosi, reumatismi, bronchiti o rinosinusiti croniche, psoriasi, otiti catarrali croniche, calcolosi renale, dispepsia gastrica, ecc.).

QUANTI CICLI:
un ciclo all’anno per tutti i cittadini su prescrizione medica; le categorie “protette” (invalidi civili, di guerra, per servizio, ciechi e sordomuti) hanno diritto ad un ulteriore ciclo nel corso dello stesso anno su prescrizione medica; agli invalidi per lavoro le cure termali vengono prescritte dall’INAIL.

QUANTO SI PAGA:
i cittadini invalidi civili totali e categorie assimilate non pagano ticket; i cittadini esenti pagano Euro 3,10 per ciclo; i cittadini non esenti pagano un ticket di Euro 50,00 per ciclo.

COME SI ACCEDE ALLE CURE TERMALI:
con semplice prescrizione redatta dal proprio medico (di medicina generale o pediatra di libera scelta) e senza preventiva autorizzazione dell’Azienda sanitaria locale il cittadino si può rivolgere ad un qualsiasi stabilimento termale del territorio nazionale.