Ddl concorrenza: cosa cambia per famiglie

Giovedì, 26 Febbraio, 2015
Ddl concorrenza: cosa cambia per famiglie

Sconti e norme anti-frode per le assicurazioni, portabilità dei fondi pensione, abolizione del mercato tutelato dell'energia, misure di semplificazione per gli atti notarili. Sono queste alcune delle misure contenute del ddl concorrenza licenziato dal Consiglio dei Ministri il 20 febbraio.

Ecco le principali novità del provvedimento.

ASSICURAZIONI: Viene previsto l`obbligo di sconti significativi nel campo della RC Auto se l`automobilista accetta clausole finalizzate al contenimento dei costi o al contrasto delle frodi come l`installazione della scatola nera e di rilevatori del tasso alcolemico, ispezioni preventive dei veicoli e il risarcimento presso officine convenzionate. Altre norme riguardano l`obbligo di indicare i testimoni, in caso di incidenti con soli danni alle cose, non oltre il momento della denuncia, la possibilità di recesso dalle polizze accessorie allo scadere della polizza principale, il conferimento all’IVASS dei poteri di controllo e monitoraggio sull'attuazione delle nuove norme.

COMUNICAZIONI: Per favorire la mobilità della domanda nei mercati della pay-tv, della telefonia fissa e mobile e di Internet, vengono semplificate le procedure di identificazione dei clienti per la migrazione e viene prevista la trasparenza sulle penali in caso di recesso anticipato dal contratto.
L’entità della penale, inoltre, dovrà essere legata ai costi effettivamente sostenuti dall’operatore in caso di promozioni.

ENERGIA ELETTRICA, GAS E CARBURANTI: Prevista per il gas naturale, la graduale eliminazione della "tutela" a decorrere dal 2018 nel mercato domestico (prezzi fissati dall’Autorità per l’Energia per i consumatori che non hanno scelto un fornitore sul libero mercato). Per l’energia elettrica viene sancita "la graduale restrizione dell’attuale perimetro" di tutela (pmi e famiglie che non hanno scelto un fornitore sul mercato), sempre a decorrere dal 2018. Per quanto riguarda i carburanti si vieta l’introduzione, in particolare da parte delle Regioni, di norme discriminatorie ad esempio a carico dei nuovi entranti.

BANCHE: Vengono previste norme come: i costi delle chiamate per l`assistenza ai clienti non potranno superare le tariffe per l’ordinaria chiamata urbana; saranno introdotti strumenti di comparabilità delle offerte di servizi; un apposito sito Internet dovrà garantire la trasparenza nella vendita di polizze assicurative accessorie ai contratti di finanziamento e ai mutui.

NOTAI: Vengono ridotti gli atti per i quali è richiesta l’autentica notarile e si individuano i casi nei quali questa può essere concessa anche da altri soggetti come avvocati e commercialisti.
In questo modo, spiega il governo, sarà consentito anche ad altri professionisti di redigere atti per transazioni immobiliari di modesta entità e relative ad unità immobiliari non ad uso abitativo; si eliminerà l’obbligo di atto notarile per la costituzione di società a responsabilità limitata con capitale fino a 20 mila euro; si estenderanno gli atti per i quali il passaggio notarile potrà essere sostituito dalla sottoscrizione digitale.