Il 12 aprile 2012 vedeva la luce il primo numero di questa Newletter. Sono passati quattro anni e siamo arrivati al numero 100

Mercoledì, 30 Marzo, 2016
Il 12 aprile 2012 vedeva la luce il primo numero di questa Newletter. Sono passati quattro anni e siamo arrivati al numero 100

“La Newsletter Anap, era il nuovo mezzo di informazione che l’Associazione Nazionale – afferma Giampaolo Palazzi, Presidente dell’Anap -intendeva  mettere in campo, nell’ottica di una sempre maggiore coesione organizzativa, al fine di informare tempestivamente i Gruppi Territoriali sulle novità che interessano il mondo che rappresentiamo e sulla vita dell’Organizzazione. In particolare, attraverso la Newsletter, volevamo fornire spunti ed indicazioni utili sia per portare avanti la politica sindacale territoriale che, come più volte sottolineato, è divenuta di vitale importanza per la tutela effettiva dei nostri associati, sia per poter avviare, anche sulla scorta di quanto sperimentato con successo in altre realtà territoriali, iniziative volte allo sviluppo associativo ed organizzativo. Oltre a questo, la Newsletter voleva essere uno strumento di formazione di quanti, sul territorio, sono impegnati nell’Organizzazione. Ci siamo riusciti? Io personalmente credo di si – conclude Palazzi – ma la risposta non la possono dare che i lettori.”

“La pubblicazione della Newsletter ha alle spalle – puntualizza Fabio Menicacci, Segretario Nazionale dell’Anap – un lavoro da certosini che viene svolto da tutta la Segreteria Nazionale in quanto richiede la consultazione costante dei siti Istituzionali, degli Enti di ricerca, dei periodici specializzati e dei quotidiani più diffusi. Un impegno che ritengo stia dando frutti interessanti come testimonia il numero di coloro che si sono iscritti alla pubblicazione: ben 482, il 63% dei quali la consulta costantemente. Certo - conclude Menicacci – tutto è perfettibile e noi intendiamo migliorare ulteriormente sia sul piano delle notizie, dando più spazio proprio al territorio che, come detto dal Presidente, rappresenta il punto di forza, l’ossatura dell’Associazione, sia sul piano degli ‘ascolti’ raggiungendo, gradualmente l’intera classe dirigente sia i singoli associati.”