Il trattamento delle lesioni muscolari:le ultime novità

Le lesioni muscolari (stiramenti o elongazioni, strappi o rotture), sono una delle patologie più frequenti a livello ortopedico. Se è vero che la maggior parte di esse sono riportate da sportivi professionisti o dilettanti, non c’è dubbio che una notevole percentuale di esse viene riportata in situazioni che con lo sport non hanno nulla a che vedere, come gli incidenti domestici, i traumi della strada e le cadute accidentali.

Per quanto la classificazione delle lesioni muscolari sia molto controversa, una maniera molto semplice per inquadrare il problema è quello di suddividerle in lesioni ove non vi è rottura delle fibre muscolari ( stiramento o elongazione) e in lesioni con presenza di soluzione di continuità delle fibre muscolari (strappo o rottura).

Nello stiramento le fibre muscolari vengono allungate oltre la loro potenzialità dinamica, ma riescono a compensare in maniera armonica la loro distensione. Di norma l’esame ecografico, che in sospetto di lesione muscolare va eseguito nelle prime 24/48 ore, evidenzia modifiche non strutturali del fascio muscolare. Il dolore può iniziare anche a distanza di tempo dall’evento traumatico e solitamente è diffuso a tutto il fascio muscolare interessato.

Nello strappo si verifica invece una vera e propria rottura delle fibre muscolari, classificata in tre gradi a seconda del numero delle fibre interessate e della conseguente gravità, fino alla lesione completa del muscolo interessato. Il dolore è immediato e localizzato, il muscolo interessato è gonfio e dolente, in breve tempo può apparire un ematoma anche a livello cutaneo.

La terapia delle lesioni muscolari fino a poco tempo fa prevedeva l’utilizzo del ghiaccio (crioterapia) nelle prime fasi, il riposo e l’eventuale immobilizzazione dell’arto o della zona interessati.

Con questa modalità di trattamento il dolore normalmente si risolve in 20/30 giorni a seconda della gravità della lesione e la normale attività può essere ripresa, per diminuire il rischio di incorrere in recidive causati da eventuali esiti cicatriziali (assai frequenti se ci si affida alla guarigione spontanea senza trattamenti fisioterapici), in circa 60 giorni.

Ma con l’avvento delle nuove tecnologie, un approccio tempestivo è in grado di ridurre i tempi di guarigione a meno della metà, con l’utilizzo della Laserterapia CO2, della Laserterapia 780 IR e della Tecarterapia.

La Laserterapia CO2 è in grado di ridurre rapidamente il versamento infiammatorio mediante il suo riassorbimento, di diminuire la concentrazione di mediatori dell’infiammazione (prostacicline) nella zona della lesione e dei radicali liberi proteggendo il tessuto muscolare, di produrre un rapido effetto antidolorifico agendo sulle molecole responsabili della trasmissione del dolore (endorfine). La Laserterapia IR 780 riduce i tempi di guarigione della lesione aumentando l’attività delle fibrocelleule muscolari, la loro ossigenazione e la produzione di collagene. La Tecarterapia aumenta la fluidità dell’ematoma contribuendo al suo riassorbimento in sinergia con l’effetto vasodilatatore del laser. La rapidità di azione di tale azione terapeutica interventi, non lascia il tempo alle fibre muscolari interrotte di retrarsi. Va ricordato a questo proposito che l’utilizzo del ghiaccio (crioterapia), pur essendo utile nelle primissime fasi dell’infortunio, nei giorni successivi, con il suo effetto di vasocostrizione, induce la retrazione delle fibre lesionate. In questo modo il tessuto muscolare viene sostituito da tessuto fibroso (esito cicatriziale) che essendo molto meno elastico,espone al rischio di successive rotture del muscolo (recidive).

Con l’utilizzo della Lasertrapia e della Tecarterapia subito dopo l’infortunio, si assiste in pochi giorni ad una rapida scomparsa del dolore e ad una veloce riduzione dell’edema. La normalizzazione delle fibre muscolari e la risoluzione del versamento sono già evidenti dopo due settimane dall’infortunio, ed il ritorno ad una normale attività avviene in 20/30 giorni. Il rischio di recidive è statisticamente assai inferiore, in quanto la riparazione è per lo più esente da esiti cicatriziali importanti. Nel caso che andiamo ad illustrare a titolo di esempio, il paziente aveva riportato un serio strappo del muscolo retto-femorale. L’esame clinico faceva presuppore una lesione muscolare, e così il trattamento con Laserterapia e Tecarterapia è stato iniziato nelle prime 24 ore.
L’ecografia eseguita il giorno dopo ha confermato una grave lesione del muscolo.Il paziente già in quarta giornata riferiva una riduzione quasi totale del dolore. All’esame obiettivo era evidente una notevolissima diminuzione del gonfiore a carico del muscolo.

L’immagine (sotto), mette a confronto l’ecografia di controllo eseguita dopo quindici giorni (a destra) con quella eseguita il giorno dopo l’infortunio ( a sinistra). Il confronto tra i due esami evidenzia il totale riassorbimento del versamento all’interno del muscolo (frecce gialle) e l’avanzato processo di guarigione con normalizzazione della struttura muscolare (freccia rossa). Una successiva ecografia eseguita dopo quattro settimane dall’infortunio mostrava una completa guarigione della lesione senza esiti cicatriziali, ed il paziente ha potuto riprendere una normale attività sportiva.

ecografie retto femorale

Conclusioni: nel sospetto di una lesione muscolare è indispensabile intraprendere precocemente un trattamento combinato con Laserterapia CO2, Laserterapia 780 IR e Tecarterapia, anche se non è possibile avere subito una diagnosi ecografica: se l’esame poi stabilirà che ci troviamo di fronte ad una lesione muscolare senza rottura delle fibre (stiramento), sarà già stato efficace l’effetto antinfiammatorio di Laserterapia e Tecarterapia e in pochi giorni avremo la risoluzione del caso clinico. Se invece verrà confermata la presenza di uno strappo muscolare, l’intervento precoce sarà determinante nel dimezzare i tempi di guarigione e nel  ripristinare senza esiti cicatriziali la normale struttura muscolare, eliminando così i rischi di recidive.