La magistratura resti fuori dai diritti degli invalidi

Martedì, 5 Marzo, 2013
La magistratura resti fuori dai diritti degli invalidi

Le pensioni di invalidità, secondo il sostituto procuratore generale della Cassazione, Gianfranco Servello, dovrebbero essere calcolate facendo riferimento ai redditi familiari e non a quello individuale.
Su temi delicati come quelli riguardanti gli invalidi e i loro diritti non si può accettare  che intervengano, a colpi addirittura di “pareri”, i giudici. Occorre che prenda posizione il Governo, dopo aver sentito le parti sociali . E, soprattutto, che si tenga conto dell’equità e della solidarietà, principi base  che dovrebbero caratterizzare un Paese civile come l’Italia.