L'Amministratore di Sostegno e gli anziani

Amministratore di sostegno

La legge non prevede espressamente che l’età avanzata, nel caso in cui questa comporti un affievolimento delle capacità psichiche, possa essere motivo giustificante la nomina di un’ Amministratore di Sostegno.
Dal testo di legge definitivamente approvato dal Parlamento è stato eliminato, difatti, il riferimento esplicito a tale situazione che era invece presente nella versione del disegno di legge approvata dal Senato il 21.12.2001.
 
Tuttavia l’estesa formula utilizzata dall’art. 404 c.c., ha permesso l’applicazione dell’istituto dell’Amministratore di sostegno anche in casi di perdita di autonomia dipendente dall’avanzamento dell’età.
 
Tale interpretazione che viene senza dubbio incontro alle persone anziane bisognose di aiuto, è stata seguita anche da alcuni giudici come per esempio dal Giudice Tutelare del Tribunale Di Modena il quale nel decreto di nomina dell’Amministratore di Sostegno ha così deciso:
“Se l’età avanzata non può essere di per se stessa presupposto fondante un provvedimento  di amministrazione, essa lo può diventare quando la vecchiaia possa determinare una limitazione apprezzabile delle funzioni di vita quotidiana”

Per la presentazione delle pratiche rivolgersi alle sedi territoriali dell’ANAP