Maggiorazioni sociali delle pensioni

Previdenza

I titolari di pensioni di importo modesto che non hanno altri redditi, oppure che hanno redditi inferiori ai limiti di legge, possono avere diritto a un aumento dell’assegno pensionistico: la maggiorazione sociale. A decorrere dal 1° gennaio 2002, la legge finanziaria ha stabilito un incremento della maggiorazione sociale che, in tale anno, ha garantito un importo di pensione fino a 516,46 euro al mese per tredici mensilità.
 
Il diritto alla maggiorazione è subordinato sia al possesso di determinati requisiti anagrafici del titolare sia al non superamento di limiti reddituali stabiliti per legge. I redditi da considerare sono quelli del titolare e dell’eventuale coniuge ed assumono rilevanza tutti i redditi assoggettabili all’IRPEF nonché quelli esenti, con esclusione del reddito della casa di abitazione e dei trattamenti di famiglia.
 
La maggiorazione sociale può essere attribuita:
 

  • sulle pensioni (vecchiaia, anzianità, invalidità o inabilità, reversibilità) a carico dell’assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti e dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, mezzadri e coloni); della gestione speciale per i lavoratori delle miniere, cave e torbiere; dei fondi esclusivi e sostitutivi dell’assicurazione generale obbligatoria;
  • sulle pensioni sociali;
  • sugli assegni sociali;
  • sulle prestazioni assistenziali (invalidi civili, sordomuti e ciechi civili).

 * Per richiedere ulteriori informazioni visita il sito del Patronato Inapa