Pensione di reversibilità – Sentenza della Corte Costituzionale

Lunedì, 1 Agosto, 2016
Pensione di reversibilità – Sentenza della Corte Costituzionale

La Corte Costituzionale ha dichiarato, con sentenza n.174 del 15 giugno – 14 luglio 2016, l’illegittimità costituzionale dell'art. 18,  comma  5,del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98 (Disposizioni urgenti per  la stabilizzazione   finanziaria),  convertito,  con  modificazioni, dall'art. 1, comma 1, della legge 15 luglio 2011, n. 111.

In sostanza, per quanto riguarda il matrimonio con il dante causa contratto ad età del medesimo superiore a settanta anni, con una differenza di età tra i coniugi superiore a venti anni, la riduzione, con effetto sulle pensioni decorrenti dal 1° gennaio 2012, dell'aliquota percentuale della pensione a favore dell'assicurato non può operare in ogni caso e non solo in presenza di figli di minore età, studenti, ovvero inabili.