Pensioni d'oro

Secco no dall'ANAP al blocco delle indicizzazioni ipotizzato dal Ministro Giovannini per risollevare l'Italia - "Il Presidente Palazzi: Il Governo non tartassi più i pensionati"

Roma, 3 luglio 2013: “Bloccare l’indicizzazione delle ‘pensioni d’oro’ non serve, neppure minimamente, a risolvere i problemi del Paese come non è servito bloccare l’adeguamento istat sulle pensioni superiori a 1486,00 € mensili. Se si vogliono trovare le risorse per far ripartire l’economia, il governo non tartassi ancora una volta i pensionati che tanto hanno già dato in questo tempo di crisi (3% in meno di recupero dell’inflazione), ma porti avanti quei provvedimenti, di ben altra portata, che sono stati accantonati negli anni.” È quanto ha detto il presidente dell’Anap, Giampaolo Palazzi, riferendosi alle dichiarazioni del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Enrico Giovannini, circa la possibilità di bloccare l’aggiornamento Istat a seguito della decisione della Corte Costituzionale di bocciare  il ‘contributo di solidarietà’ stabilito a suo tempo.

“Il governo rivolga il suo sguardo altrove e, soprattutto, abbia un po’ più di coraggio; si impegni ad attuare quelle riforme che non hanno il carattere della contingenza, ma che sono davvero strutturali per la crescita del Paese. Sarebbe opportuno – asserisce il presidente Anap – che il governo pensasse a definire i costi standard in ambito sanitario, che attuasse azioni mirate e concrete per una seria riforma delle autonomie locali, che applicasse con serietà istituzionale dei tagli significativi ai cosiddetti costi della politica o che si occupasse di alienare i beni pubblici inutilizzati. È facile – conclude Palazzi – prendersela con chi non ha altre armi per difendersi, se non quella del voto, ma certo non è giusto e neppure produttivo visto il ruolo che i pensionati svolgono all’interno della famiglia e l’esiguità dei risparmi che, a seguito di questi provvedimenti ipotizzati dal ministro, si otterrebbero.”