Politiche sociali: al via la protezione sociale

Martedì, 5 Dicembre, 2017
Politiche sociali: al via la protezione sociale

Prende corpo la rete dei servizi sociali cui spetterà - tra l'altro - la concreta attuazione del Reddito di inclusione, la nuova misura unica di contrasto alla povertà che sarà operativa dall'1 dicembre e che prevede un sostegno di natura economica condizionato all'adesione ad un progetto personalizzato di attivazione e di inclusione sociale mirato a far uscire le persone dalla condizione di povertà.

Il 23 novembre, a Napoli, alla presenza del Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, degli assessori regionali alle politiche sociali, di sindaci e assessori di città metropolitane e comuni in rappresentanza dell'Anci, è stata infatti costituita la Rete della protezione e dell'inclusione sociale, che avrà la funzione di favorire una maggiore omogeneità territoriale nell'erogazione delle prestazioni e di definire linee guida per gli interventi, in coerenza con l'obiettivo di rafforzare in maniera uniforme nel paese i servizi sociali, in rete con gli altri servizi territoriali (lavoro, salute, scuola, casa), coinvolgendo le parti sociali, il Terzo Settore e tutte le forze produttive e sociali della comunità al fine di migliorare i processi di accompagnamento verso l'autonomia delle persone più fragili.
"In questo modo - ha sottolineato  il ministro Poletti - poniamo le basi per la costruzione di una vera e propria infrastruttura sociale, riconoscibile sul territorio, e con la partecipazione più ampia della comunità, a protezione dei suoi componenti più fragili".

Uno strumento necessario in quanto, con la riforma del Titolo V della Costituzione, in materia di politiche sociali allo Stato rimane solo il potere di definire livelli essenziali delle prestazioni: le Regioni hanno la competenza su legislazione e programmazione, ma la gestione è affidata ai Comuni, eventualmente coordinati a livello di ambito territoriale. A fronte del rischio che la mancanza di un organismo con poteri di indirizzo, in un sistema frammentato ed eterogeneo, produca una cristallizzazione delle differenze nella qualità e quantità degli interventi (la spesa sociale differisce tra le Regioni in un ordine di grandezza da 1 a 10 tra il minimo e il massimo), a volte anche tra Comuni limitrofi, la Rete rappresenta un organismo rispettoso delle competenze dei diversi livelli di Governo, configurandosi come un forum di decisioni condivise e di programmazione partecipata, attraverso un confronto continuo con le parti sociali e con i soggetti rappresentativi del Terzo Settore.