Il via libera dell’AIFA agli anticorpi monoclonali è un’ottima notizia, ma non basta

L’Associazione Nazionale Anziani e Pensionati chiede alle autorità competenti un impegno maggiore per tutelare i soggetti più fragili.

"Come Associazione plaudiamo alla notizia che l'Agenzia italiana del Farmaco (AIFA) abbia dato il via libera alla sperimentazione degli anticorpi monoclonali per il trattamento di Covid-19; ma non è sufficiente, serve un'accelerata su tutta la linea" - afferma Guido Celaschi, Presidente ANAP Confartigianato Persone (Associazione Nazionale Anziani e Pensionati) - "Le autorità competenti ora devono potenziare e incentivare, con opportuni finanziamenti, le ricerche e le sperimentazioni per le cure Covid-19 in tutti i settori: non solo quindi anticorpi monoclonali, ma anche antivirali ad ampio spettro e alcuni antimalarici già in uso da decenni; senza ulteriori rinvii e soprattutto senza ritardi dovuti alla inefficienza burocratica".

In Italia le persone anziane muoiono con un indice di mortalità tra i più elevati rispetto ad altri paesi; i ritardi e le disfunzioni che si stanno manifestando nella acquisizione dei vaccini, nella programmazione e nella distribuzione degli stessi sono fonte di estrema preoccupazione.

ANAP Confartigianato desidera quindi che le autorità competenti si impegnino a realizzare un efficace sistema di cura per il Covid-19 per tutta la popolazione ed in particolare per i soggetti più a rischio (tra questi gli anziani), superando ritardi, incompetenze e incertezze che si sono manifestati in questo lungo periodo.

Tags: 
Comunicati Anap, Coronavirus, Salute