Monitoraggio LEA, cambiano gli indicatori, verifica più ampia e approfondita

Anap il : 
15 Marzo, 2019
Monitoraggio LEA, cambiano gli indicatori

Lo schema di Decreto è stato presentato dal Ministero della Salute, come prevede il D.Lgs 68/2011: “per implementare un sistema adeguato di valutazione della qualità delle cure e dell’uniformità e dell’assistenza sul territorio nazionale ai fini del monitoraggio costante dell’efficacia e dell’efficienza dei servizi...”. La Conferenza delle Regioni ha espresso Intesa richiedendo al Governo tre impegni:

  1. proseguire la sperimentazione con gli ultimi dati disponibili superando la rilevazione 2012-2016;
  2. prevedere un monitoraggio degli indicatori per testarne la validità prevedendo la possibilità di modifiche prima dell’avvio definitivo del nuovo sistema;
  3. verifica della positiva valutazione delle attività di cui ai punti 1 e 2 prima dell’avvio dell’applicazione nel 2020.

Ora si deve attendere la pubblicazione del Decreto in Gazzetta Ufficiale.
L’Intesa riguarda lo schema di Decreto, composto da 6 articoli e da due Allegati tecnici.
Aumentano gli indicatori, in particolare per l’Assistenza Distrettuale, dove con l’attuale griglia LEA erano più carenti. Per la prima volta, oltre al monitoraggio sui LEA, orientato a verificare anche l’appropriatezza e la sicurezza delle cure, si intende stimare il bisogno sanitario, l’equità sociale, i PDTA. Una specifica valutazione riguarda le disuguaglianze tra regioni e dentro le stesse, la qualità percepita e l’umanizzazione delle cure.

Il valore (peso) degli Indicatori per la verifica degli adempimenti da parte delle Regioni sarà definito con atti successivi del Ministero della Salute sentito il Comitato LEA
Il nuovo sistema di monitoraggio dovrebbe superare l’attuale griglia LEA, che in parte è compilata con "autocertificazioni" delle singole regioni, basandosi invece su dati oggettivi 
L'elenco degli indicatori sono:

  • Nuovi indicatori per i LEA della Prevenzione collettiva e sanità pubblica, dell’Assistenza Distrettuale e di quella Ospedaliera.
  • Indicatori di contesto per la stima del bisogno sanitario;
  • Indicatori di Equità Sociale;
  • Indicatori per il monitoraggio e la valutazione dei percorsi diagnostico terapeutici assistenziali (PDTA);

I criteri di analisi e valorizzazione degli indicatori del sistema di garanzia sono:

  • Criteri per l’individuazione il calcolo e l’analisi degli indicatori del Sistema di Garanzia
  • Individuazione degli lndicatori del sottoinsieme
  • Criteri di individuazione delle misure e del valori di riferimento per sottoinsieme
  • La valutazione sintetica di ciascuna Regione e Provincia Autonoma

Le finalità del monitoraggio: Il sistema di garanzia di cui all’articolo 9 del D. Lgs. n. 56/2000 si configura come un sistema descrittivo, di valutazione, di monitoraggio e di verifica dell’attività sanitaria erogata da soggetti pubblici e privati accreditati di tutte le regioni, comprese le regioni a statuto speciale, e le province autonome di Trento e Bolzano.

  1. Il sistema ha la finalità prioritaria di mettere in relazione i livelli essenziali di assistenza, effettivamente assicurati dalle suddette Amministrazioni nei rispettivi territori, con le dimensioni da monitorare quali:
    • efficienza ed appropriatezza organizzativa;
    • efficacia ed appropriatezza clinica;
    • sicurezza delle cure.
  2. Il sistema prevede, altresì, il monitoraggio e la valutazione dei percorsi diagnostico-terapeuti - co-assistenziali, per specifiche categorie di bisogni o condizioni di salute, la misura della qualità percepita e dell'umanizzazione delle cure e una specifica attenzione all’equità geografica e sociale all’interno e tra le regioni.