Pur apprezzando lo sforzo compiuto dal Governo per migliorare l’Isee e pur condividendo le finalità di questo strumento, non possiamo accettare la scelta di riproporre quelle discriminazioni categoriali fra lavoratori dipendenti e autonomi che, invece, erano rimaste fuori dalla norma del 1998.