Home

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 22 marzo 2021 il testo del Decreto Sostegni approvato dal Consiglio dei Ministri venerdì 19 marzo.

Nel provvedimento sono state inserite diverse misure per la sanità, in particolare per affrontare l’attuale emergenza Covid, oltre ad una serie di misure socioeconomiche di sostegno a imprese e operatori, nonché di tutela del lavoro e di contrasto alla povertà. Vediamo alcune misure di carattere sociale.

Sanità

Vengono stanziati 2,8 miliardi per l’acquisto di vaccini, ma anche di farmaci contro il Covid quali il Remdesivir e gli anticorpi monoclonali, ma soprattutto, si interviene sul lato del personale con l’obiettivo di accelerare la campagna di vaccinazione contro il Covid. Tale stanziamento viene così impiegato: 2,1 miliardi per l’acquisto di vaccini e 700 mila euro per l’acquisto di farmaci. In particolare, di quest’ultimo importo 300 mila euro serviranno per l’acquisto del Remdesivir, mentre gli ulteriori 400 mila euro serviranno per l’acquisto dei monoclonali.

Dopo il flop del bando dello scorso dicembre con il quale si puntava a reclutare 12 mila infermieri/assistenti sanitari e 3 mila medici, si dà ora la possibilità non solo ai medici di famiglia, ai pediatri e agli specializzandi in medicina, ma anche ai medici ambulatoriali, odontoiatri, nonché medici di continuità assistenziale, dell’emergenza sanitaria territoriale e della medicina dei servizi di partecipare alla campagna di vaccinazione con l’obiettivo di somministrare 56 milioni di dosi.
 
A tal fine è stata eliminata la clausola di incompatibilità con altri rapporti di lavoro ed il divieto di cumulo di impieghi e incarichi per il personale infermieristico del Servizio sanitario nazionale che aderirà all’attività di somministrazione dei vaccini, e viene dato spazio anche alle vaccinazioni all’interno delle farmacie senza la necessaria supervisione del medico.

Sono stati stanziati, inoltre, 200 milioni di euro per la riconversione del settore biofarmaceutico al fine di favorire il potenziamento della ricerca e la riconversione industriale delle aziende del settore verso la produzione di nuovi farmaci e vaccini per fronteggiare in ambito nazionale le patologie infettive emergenti, oltre a quelle più diffuse, anche attraverso la realizzazione di poli di alta specializzazione.

Reddito di cittadinanza

Le risorse destinate a finanziare il Reddito di cittadinanza vengono incrementate di un miliardo di euro. È altresì previsto in via eccezionale per l’anno 2021 il mantenimento del sussidio nel caso in cui i componenti del nucleo familiare stipulino uno o più contratti a termine, a patto che il reddito familiare risulti comunque pari o inferiore a 10.000 euro.

Reddito di emergenza

Il Dl “Sostegni” riconosce altre tre quote del Reddito di emergenza (REM) ai nuclei familiari in condizioni di necessità economica. Le singole quote del REM saranno pari ad un importo base di 400 euro da moltiplicare per il parametro risultante dall’apposita scala di equivalenza, in base al numero dei componenti il nucleo familiare.

Fondo disabilità

È istituito un “Fondo per l’inclusione delle persone con disabilità”, con una dotazione di 100 milioni di euro annui a decorrere dal 2021, per dare attuazione alle politiche per l’inclusione, l’accessibilità e il sostegno a favore delle persone con disabilità.

Gli interventi e la definizione dei criteri e delle modalità per l’utilizzazione delle risorse saranno individuati e precisati da uno o più decreti del presidente del Consiglio dei ministri, ovvero dell’autorità politica delegata in materia di disabilità, di concerto con i ministri dell’economia e delle finanze e del Lavoro e delle politiche sociali.

Condividi l’articolo
Sanità e altre misure sociali nel Decreto Sostegni