Persone e Società - Febbraio 2015

Rivista numero 15

Editoriale

Cari Amici e Soci dell’Anap, questo numero di Persone e Società è una gradita occasione per porgervi i nostri migliori auguri di un felice 2015. L’anno appena trascorso è stato complesso. In ogni opportunità che si è presentata abbiamo cercato di coinvolgervi e di riflettere insieme a voi sui grandi temi che l’attualità del nostro Paese di volta in volta ci presenta: sanità, pensioni, servizi, riflessi dell’azione di governo sulla vita delle nostre famiglie. 

Questo numero di Persone e Società, una finestra nelle vostre case che gentilmente ci consentite di aprire, ricalca i temi e lo stile delle nostre discussioni. Abbiamo cercato di rileggere, per esempio, la crisi economica che attraversa il mondo intero e, ancor più gravemente forse, il nostro Paese, in una chiave diversa dalle solite. Al netto dei problemi da risolvere, che cerchiamo di sottolineare sempre puntualmente, vorremmo vederla come un’opportunità. Un ritorno ad uno stile di vita più sobrio e attento ai valori per cui lavoriamo e lottiamo. Un recupero della nostra creatività, per esempio. In cucina, nei piccoli lavoretti domestici, su cui torniamo a sporcarci le mani, senza più delegare ai tecnici.

Ancora: nei trasporti, nelle nuove modalità di coabitazione, nel ritorno alla cura degli orti e della terra. Ci siamo chiesti: «E se la crisi fosse anche un modo per decelerare i nostri ritmi consentendoci di vivere nuove forme di socialità raggiungendo, al contempo, una più alta qualità della vita?». 

Senza sottovalutare i problemi economici, vogliamo porgervi questo tema di riflessione, certi che possa essere di vostro interesse.

Augurandovi buona lettura, rinnoviamo a voi e alle vostre famiglie i nostri migliori auguri per un nuovo felice anno.

In copertina, “Mandello Lario, specchio d’acqua” di Antonio Lozza

portale anap confartigianato persone