Progetto Alzheimer

Progetto Alzheimer

Il numero sempre crescente, su tutto il territorio nazionale, di persone anziane non autosufficienti, poiché colpite dalle forme più svariate di disturbi cognitivi, in primis l’Alzheimer, ha determinato, in seno all’Anap, l’esigenza di sostenere ed accompagnare, attraverso percorsi studiati ad hoc, tutti coloro che convivono quotidianamente con queste problematiche, poiché afflitti dalle stesse, o perché, in qualità di familiari o di assistenti esterni, si occupano giorno per giorno del loro sostegno e della loro cura.

Alla luce di queste osservazioni ed esigenze, nel 2005 l’ANAP Confartigianato ed il Dipartimento di Scienze dell’invecchiamento dell’Università “La Sapienza” di Roma hanno siglato un accordo mirato al conseguimento di tali obiettivi, mediante la predisposizione di specifici programmi di assistenza, ricerca, formazione e informazione, oltre che di prevenzione e medicina predittiva.

Finalità principale di queste azioni di supporto è l’offerta ai soggetti coinvolti di adeguati strumenti teorici e pratici, sia per migliorare la qualità della vita di chi soffre delle varie tipologie di demenza, sia per facilitare lo svolgimento di un ruolo che, per le sue caratteristiche e le responsabilità che comporta, si presenta spesso estremamente delicato e complesso.

Il progetto di predizione e prevenzione dell’Alzheimer prevede dunque alcuni passaggi fondamentali:

  1. Il finanziamento di tre dottorati all’interno del Dipartimento di Scienze dell’invecchiamento, per un periodo di tre anni
  2. La formazione ai caregiver interni alle famiglie
  3. L’organizzazione di una Campagna Nazionale per sensibilizzare l’opinione pubblica su una tematica così attuale e preoccupante
  4. La compilazione e la raccolta di questionari pensati ad hoc da professionisti del settore destinati alla creazione di una banca dati che permetta di individuare, attraverso l’analisi di appositi indicatori riguardanti fattori genetici, sociali e familiari, l’eventuale predisposizione dei soggetti intervistati nei confronti di disturbi cognitivi di tipo degenerativo, con particolare riferimento al morbo di Alzheimer.
  5. L’ elaborazione e l’analisi dei dati raccolti al fine di identificare i soggetti a rischio e, attraverso l’intervento diretto di geriatri competenti per territorio, la realizzazione di uno screening mirato a rallentare i tempi di insorgenza delle demenze.
  6. Il prelievo e lo studio del genoma

Partendo da questi presupposti, con l’aiuto e la collaborazione di partner di primo piano del settore, si è giunti alla conclusione che il sostegno ai malati o ai potenziali tali non può prescindere da un’adeguata formazione e consapevolezza da parte di chi li assiste e li accompagna in ogni momento della vita quotidiana.

Attraverso una rete sempre più ampia di enti, associazioni ed istituzioni, ed in collaborazione con le Asl/Uls e le sedi Confartigianato territoriali di riferimento, si sta quindi procedendo alla promozione di eventi formativi ed informativi con l’obiettivo di fornire loro – gratuitamente - una serie di competenze reputate utili, se non addirittura necessarie.

La finalità principale di questo programma è la creazione di un modello di “formazione all’assistenza” replicabile su tutto il territorio nazionale, in grado di fornire agli utenti una serie di conoscenze e competenze in materia geriatrica/medica, ma soprattutto di supporto psico-fisico alle persone affette da patologie complesse quali il morbo di Alzheimer e le demenze senili in genere.

Allo stato attuale, si prevede l’attivazione dei percorsi formativi e informativi presso alcune ASL rappresentative del territorio nazionale nel suo complesso. Non si esclude, tuttavia, la possibilità di proporre lo strumento in maniera più puntuale e specifica qualora le richieste, la collaborazione ed il sostegno locale fossero tali da consentirne la realizzazione.

In allegato è presente l'elaborazione flash "Alzheimer, demenze senili e invecchiamento della popolazione", predisposta per la IX "Giornata nazionale dell'Alzheimer" 2016, promossa da Confartigianato ANAP e ANCoS in collaborazione con il Dipartimento di Scienze Geriatriche dell'Università la Sapienza di Roma e la Croce Rossa Italiana. Il lavoro si incentra sull'analisi dei dati sull'incidenza di Alzheimer e demenze senili e propone il quadro demografico relativo alla popolazione anziana per regione e per provincia.
 

Progetto Alzheimer